Operato a 21 anni-Indice di Haller 5 assimetrico- San Martino Genova

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Operato a 21 anni-Indice di Haller 5 assimetrico- San Martino Genova

Messaggio  Mick il Mer 24 Set 2014, 00:54

Salve, inanzitutto mi complimento per il bel forum che avete creato ^^
ho scoperto da un po questo forum e ora vorrei condividere la mia esperienza un po.. meh... comuqnue non voglio demoralizzare nessuno quindi cominciamo.

Devo inanzitutto dire che ho scoperto che la mia "malattia" aveva un nome solo l'anno scorso. Ero in preda ad un raptus depressivo dovuto a delle continue fitte allo sterno che mi disturbavano e non poco lo studio universitario... era periodo di esami quindi stres ai massimi livelli.  Comuque alzatomi a fare l'ennesima passegiatina di 5 min per sgranchirmi il torace decido di cercare su internet se la mia malformazione avesse una soluzione e in quel istante mi si apri un modo: non ero solo, in molti avevano il mio problema ed era pure operabile in maniera non troppo difficile! (ok, qua mi direte che l'intervento per correggere il PE è una cosa seria, ma a mio avviso non è paragonabile ad altri interventi molto ma molto più rischiosi e pericolosi)
Comunque avevo trovato il sito del Equipè di chirurgi di genova e quindi decisi di farmi operare lì. Ovviamente la scelta del farmi operare non la ho presa così alla leggera.. ero un po, come dire incerto... ma ero ostanco di dover ancora soffrire, e un po ero anche frustrato per non avermi potuto godere una degna adolescenza (paura di mostrare il torace al pubblico) quindi feci un po le somme dentro di me e quindi la risposta mi arrivo subito: ok mi facio operare! Very Happy  . Ora mi ero informato che era doloroso e che servivano mesi per riprendersi del tutto, ma tanto vale tener duro per quei 2-3 anni per poi poter stare bene tutta la vita Very Happy
Quindi sicuro di me stesso, accantonate le paure, mi feci mettere in lista e la fatidica data arrivò

Mi opero il Dottor Torre, data la mia età mi hanno messo 2 sbarre, e mi hanno anche avvistao che forse non so otterrà un gran risultato a livello estetico vista la assimetria e l'età.

5 Agosto giorno del intervento: dalle 00.00 digiuno totale sia di cibi che di liquidi. La notte riesco a dormire tranquillo, mi sembra impossibile che il mattino dopo mi avrebbero operato.. quasi non ci credevo. La mattina mi alzo alle 6. l'intervento è fissato alle 7:15. Mi portano in sala pre-operatoria dove mi fanno una prima anastesia nel arteria del polso sx. Dopo 5 min mi portano sala operatoria, mi fanno una anastesia locale alla schiena e preparano il catetere per l'epidurale, alla domanda del dottore "va bene? non da fastidio il catetere?" mi addormento come d'incanto. Mi sveglio rintontito, e sento che mi riportano in camera (sono le 12.30).
Nonostante i antidolorifici e l'anestesia che era ancora in circolazione il dolore è tanto (anche se mi aspettavo di peggio), mi iniettano una dose di morfina e riesco a stare un po più tranquillo. Faccio fatica a respirare, e a malapena riesco a parlare ai miei. Per le prime ore non riesco ad abassare la testa e tantomeno alzare le braccia per poter vedere/ toccare il torace. Passano le ore e dormo a intervalli irregolari di 5-10 min, la repirazione mi impedisce di dormire ininterrottamente. Si fanno le 16 riesco a toccare e un po a scorgere il torace, mi fa una strana sensazione. Il corpo è ancora mezzo addormentato per l'anastesia. Passano le ore e non riesco a urinare nel pappagallo, sento la vescica piena. Aiutato mi alzo per provare a farlo da alzato, ma ancora niente, prendo solo un attacco di nausea dovuto alla pressione, momenti bruttissimi, riuscendo a mantenere la calma e a sedermi dopo un paio di minuti la nausea passa, ma mi sento molto indebolito.
Le ore passano e ancora niente, gli infermieri mi danno quindi una borsa di ghiaccio da mettere sulla vescica per aiutarmi a farmi urinare, altrimenti catetere.
Verso le 19 riesco a urinare, potrà sembrare stupido ma in quel momento ero stra felice.
La notte riesco a dormire benissimo nonostante tutti i cavi attaccati.

6 Agosto, il giorno dopo: La notte tutto tranquillo, dolore ancora alto, mi fanno una mezza morfina. Passo la giornata a toccarmi il torace.. mi fa strano vederlo così è l'orgoglio di tutto il dolore che sento.
Passo la giornata nel letto, mi faccio aiutare ad alzarmi per usare il pappagallo.

7 Agosto, 2 giorni dopo l'intervento: a differenza della notte precendete questa volta non riesco a dormire quasi niente, mi sveglio molto stanco e assonnato. MI tolgono i cavi e la flebo per colazione un bichiere di te. Ancora dolore ma decisamente minore rispetto il primo giorno, mi facio semrpe aiutare per alzarmi. Azzardo delle passeggiate, riesco a camminare a fatica. Pranzo e cena minestrine che mangio con molta fatica
La giornata la passo camminando un po e riposando vista la notte in bianco.


8 agosto, 3 giorni dopo: nottata così e così purtroppo la mia leggera scogliosi inizia a farsi sentire a furia di stare sdraiato supini. La fisoterapista mi dice che esercizzi fare. Prima giornata di dieta libera, ci metto 2 ore per pranzare. Passo la giornata camminando e facendo i essercizzi che mi ha detto di fare la fisioterapista. Il dolore al torace si sente e il mal di schiena sembra non esser da meno.

9-11agosto Il dolore al torace e ai lati diminuisce sempre di più, riesco a camminare sempre per più lunghe distanze ma il mal di schiena aumenta sempre di più.

12 agosto: 1 settimana dopo mi dimettono, sento di stare in buone condizioni, l'apetito mi è tornato, la respirazione molto migliorata ma il mal di schiena. Un po mi è dispiaciuto tornare a casa, avevo conosciuto delle ottime persone in ospedale le quali auguro buona fortuna e ottima guarigione; i infermieri erano stati molto simpatici e disponibili, dottori molto preparati e disponibili.

Ok questo è la mia esperienza fatta al ospedale, i primi giorni erano stati i più difficili, poi si è andati via a via migliorando, se non fosse stato per il mio dannatissimo mal di schiena sarei uscito saltellando XD cmq scherzi a parte vedrò nei prossimi giorni di continuare a raccontare la mia storia che essendo sinceri ora mi son venuti dei piccoli problemi, ma niente di che.. ci sentiamo alla prossima e per chi è ancora indeciso: fatevi operare,
ah.. e scusate per i evventuali errori di sintassi o di tastiera z.z

Mick

Numero di messaggi : 2
Età : 24
Data d'iscrizione : 22.09.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Operato a 21 anni-Indice di Haller 5 assimetrico- San Martino Genova

Messaggio  imlap il Sab 29 Nov 2014, 23:18

Grazie Mick per la tua dettagliata testimonianza.
Come stai a distanza di qualche mese dall'intervento?


imlap

Numero di messaggi : 166
Età : 33
Data d'iscrizione : 30.01.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Operato a 21 anni-Indice di Haller 5 assimetrico- San Martino Genova

Messaggio  Mick il Dom 30 Nov 2014, 21:24

Salve, inanzitutto chiedo venia per aver tardato così tanto ad andare avanti a scrivere z.z

Ora a distanza di circa 4 mesi sto bene:) i dolori seri sono spariti e faccio (quasi) la vita di prima: tornato a lezione, mi lavo da solo, mi alzo da solo, riesco a fare piccoli sforzi tranquillamente, guidare ancora no ._. .

Comunque tengo a raccontare come è proseguito il mio recupero il quale ,come detto preccedentemente, ha subito degli intoppi.

Dopo circa 2 settimane dal intervento mi hanno tolto i punti dalle ferite e mi ero messo d'accordo col dottore di tornare per un controllo dopo un mese.
La cicatrizzazione prosseguiva bene e andavo a medicare le ferite ogni 2 giorni dall'infermiera del paese.
Dopo circa 5 giorni le ferite erano gia quasi chiuse, si vedeva la crosticina bella matura ora mai, tuttavia una cicatrice continuava a spurgare liquido. L'infermiera mi ha detto che era normale e che non sembrava esserci segno di infezione.
I giorni passavano e un giorno notai che la cicatrice spurgante si stava riaprendo. In quel momento pensai che avevo esagerato a fare i esercizzi che mi era stato detto di fare dalla fisioterapista. Per sicurezza feci un tanponamento che risultò negativo, ciò nonostante mi fecero assumere degli antibiotici per 10 giorni.
In quei giorni il dolore dei ferri e del torace diminuiva progressivamente, ovviamente c'erano dei momenti nella quale il dolore tornava ma più passavano i giorni e più il dolore diminuiva.
Mancavano 5 giorni per andare a fare la visita di controllo quando la mia ferita si riaprì "completamente". Per dolore alla ferita non sentivo proprio nulla, anche quando mi medicavano, mai sentito dolore alle ferite però vedere la ferita riaperta mi faceva un pò di inquietudine.
Smesso di fare fisoterapia e cercando di non fare movimenti che favoriscano un ulteriore allargamento della ferita aspettai il giorno del controllo.
Il giorno del controllo ferita riaperta a parte andava tutto bene. Il dottore mi ha risuturato la ferita con 3 punti molto robusti (li ho sentiti tirare per 5 giorni) e ci siamo dato ri appuntamento dopo 15 giorni.
Attesa per il ri-controllo passati più o meno tranquillamente, i dolori ai ferri li sentivo ancora e forse anche troppo perchè in quei giorni ho evitato movimenti per favorire una rapida ciccatrizzazione della ferita.
Passati i 15 giorni il dottore mi ha tolto solo il punto centrale perchè la ferita non ne voleva sapere di volersi chiudere. Neanche lui si è spiegato il motivo, dai risultati dei tamponamenti non c'erano infezioni e la carne della ferita era bella rosa. Allora il dottore mi disse che poteva trattarsi di un' alergia ai ferri, ma non ne era tanto certo perchè tutte le altre ferite erano guarite completamente e io non avevo ne febbre ne bruciore ai ferri.
Fatto stà che usando i metodi tradizionali la ferita si è richiusa o_o : ovvero il dottore stesso mi ha detto di medicarmi 3 volte al giorno con acqua ossigenata e zucchero.
Per sicurezza mi aveva prescritto anche del cortisone ma la cosa importante era pulire la ferita e poi riempirla con lo zucchero.
Così facendo dopo 5 giorni mi ha rimosso anche i altri punti e col passare dei giorni la ferita si è rimarginata del tutto!!
Questa piccola odissea mi è durato 2-3 mesi circa dal giorni del operazione ^^' ora sto molto meglio la mobilità è tornata con la fisioterapia!

Per adesso evito ancora certi sforzi, il peggio è passato ma ogni tanto dei dolorini vengono, ma è tutto controllabile.

Persomalmente parlando non mi lamento di quel che mi è sucesso. I mio caso era grave, un disastro di torace. Ho ancora un po di "buco" per via delle costole infatti il torace e bello in fuori ma subito sotto lo sterno c'è un avvallamento per via delle costole deformi. Dovrei ri-incontrare il dottor Torre tra questo mese e gennaio per un altro controllo, e per parlare su come aggiustare le costole: forse mi impianteranno un terzo ferro oppure provare con la ventosa. Deciderò sul da farsi quando avrò sentito il medico, un altro intervento non mi spaventa XD

Con questo ho concluso (per ora) la mia esperienza, tengo a scusarmi ancora per il tempo trascorso dal mio primo post ma come avete ben letto non me la sono passata tanto bene ^^'.



Mick

Numero di messaggi : 2
Età : 24
Data d'iscrizione : 22.09.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Operato a 21 anni-Indice di Haller 5 assimetrico- San Martino Genova

Messaggio  imlap il Ven 05 Dic 2014, 19:54

Grazie per la dettagliata risposta Mick!

Caspita, dopo 4 mesi ancora non riesci a guidare? Io darei di matto chiusa in casa tutto sto tempo....

Sai quanto avevi di indice di Haller?
Avresti delle foto di confronto?

imlap

Numero di messaggi : 166
Età : 33
Data d'iscrizione : 30.01.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Operato a 21 anni-Indice di Haller 5 assimetrico- San Martino Genova

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum