L'ho fatto per davvero!

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

L'ho fatto per davvero!

Messaggio  Ultimo il Sab 10 Set 2016, 14:14

Ciao a tutti, circa 4 mesi fa sono stato operato alla veneranda età di 42 anni dal Dott. Infante, attualmente primario all’ Ospedale Borgo Trento di Verona.

Fin dalla nascita portavo un PE di grado severo, esteso lungo tutto lo sterno, asimmetrico a dx. Per far capire nel punto più profondo ci entrava –ne parlo al passato!- tutto il pugno, alla TAC la distanza tra il punto più profondo e la vertebra sottostante era meno di 3 cm.

Da bambino ricordo il pediatra di famiglia in studio con la sigaretta in bocca (eravamo agli inizi degli anni 80) che diceva a mia mamma che sarebbe andato a posto da solo (!) e di prendere le “molle da tirare”, avete presente l’attrezzo che usavano i forzuti del circo che tiravano due maniglie legate dalle molle? Ecco, questa era la mia situazione da bambino.

Da adolescente il medico di base diceva che sì, il problema c’era, ma era solo estetico, e che non avrei mai avuto problemi di salute, e che d’altra parte non c’erano soluzioni.

Io sono cresciuto con queste idee, ho fatto tanto sport, e mi sono accettato in questa maniera.

Non dico che sia stato semplice, ma tutto sommato sono riuscito a condurre una vita normale sotto tutti i punti di vista, sia di salute sia relazionale.

Certo, il fastidio di essere diverso ogni tanto si faceva sentire, ma d’altra parte non avevo mai dovuto rinunciare a nulla, e stavo lontano dall’idea di un intervento che sì, sapevo possibile ma nella mia testa sembrava andare a complicarsi la vita, forse rischiare di complicarsi la salute e quindi, insomma, di pentirsene.

Poi è successo che si inizia ad invecchiare. Ho perso un po' di forma, ho messo su un po' di pancetta, e ho incominciato soprattutto ad avere una sensazione di peso, di costrizione a livello toracico, qualche doloretto costale saltuario. Nulla di che, credo dovuto ad un iniziale irrigidimento della gabbia toracica, ma questo è bastato per allertarmi. Peggioravo dal punto di vista estetico (per quanto si potesse peggiorare) e non ero sicuro che questo PE davvero non mi avrebbe dato problemi di salute.

Così circa tre anni fa ho iniziato a cercare in giro, e sono incappato anche sul vostro forum. Siete stati voi a farmi conoscere i nomi dei chirurghi che si occupano di questa cosa, e che mi avete dato la spinta per andare a farmi visitare.

Per questo vi ringrazio, e vi porto il mio contributo.

Per vicinanza mi sono fatto visitare dal Dott. Infante.

Con il Dott. Infante mi sono trovato bene fin dalla prima visita. Mi ha rassicurato, mi ha chiarito i dubbi, mi ha messo insomma nelle condizioni di scegliere davvero con cognizione che cosa fare. Ma soprattutto mi ha detto che anche alla mia età, anche con quel PE esagerato, si poteva fare.

Così ho deciso di farlo.

Il Dott. Infante propendeva per una Nuss, ma poi è stato necessario fare una Ravitch (lui non usa la barra ma la rete di marlex) in quanto sono allergico ai metalli (PS fatela notare questa cosa se siete allergici!) e le barre che si usano con la Nuss contengono Nickel.

Risultato? Spettacolare!

L’intervento è molto duro e doloroso. Il mio è durato tanto, quasi 9 ore. Sono rientrato alle 18 in stanza, e la mattina seguente mi hanno già tirato in piedi. Io quasi svengo, tra dolore e morfina. I primi giorni sono davvero duri, al terzo giorno mi hanno tolto la morfina che mi rimbambiva, e lentamente la situazione è migliorata. Sono rimasto in ospedale sei giorni, avevo tre drenaggi che mi hanno tolto uno per volta il quarto, quinto e sesto giorno. Per i primi dieci giorni non ero in grado di alzarmi dal letto senza aiuto (in ospedale avevo il letto elettrico e ci riuscivo, a casa all’inizio no). Dopo 15 giorni ho ricominciato a guidare. Dopo circa un mese ho potuto starnutire o tossire senza grande dolore. Dopo circa due mesi riuscivo a correre e saltellare. Dopo circa tre mesi pochi minuti anche a pancia in giù sul letto. La cosa che ho perso maggiormente è stata la forza negli addominali. Piano piano sta comunque ritornando. Adesso mi alzo dal letto normalmente, senza il minimo compenso con le braccia, come prima. Gli antidolorifici li ho usati per tre-quattro settimane. La cicatrice mi ha fatto un po' di cheloide, soprattutto due drenaggi. Ma lo avevo messo in conto con la pelle che ho, e d’altra parte ci vuole almeno un anno prima che si assesti e migliori.

Ma la cosa notevole è che il mio PE è stato corretto completamente, ed era gigante. Pazzesco!

E una altra cosa. A parte che non ho più né senso di costrizione né dolorini al torace, ma mi sono reso conto che io per tutta la vita “sentivo il cuore battere”, nel senso che era talmente vicino alle coste, che anche a riposo io lo sentivo battere in maniera simile a quando si corre che il cuore batte forte e batte in gola. Io credevo fosse normale, e invece adesso che a riposo non lo sento praticamente più, mi rendo conto che per tutta la vita provavo una cosa che gli altri non provano. Insomma, ho regalato un sacco di spazio in più al mio cuor, e credo che ne sia felice. Anche i battiti a riposo, che prima erano circa 80 al minuto, adesso sono 65 al minuto. Premetto che prima dell’intervento ho fatto TAC torace (cuore spostato a sinistra) ecocardiogramma ed ecg (a posto) e spirometria (nei limiti anche se non eccezionale).

Spero di non avervi annoiato, a più di quattro mesi incomincio a sentirmi bene, non ho ancora sensibilità sulla parte anteriore del torace ma inizia a tornare, almeno in parte, non ho più il PE ma una cicatrice ancora visibile ma migliorerà, il mio cuore batte meglio, sto recuperando forza muscolare, sono sereno perché ho fatto una battaglia che oggi posso consigliare a tutti quelli che vogliono farcela sapendo che i denti li dovranno stringere per un po', e ci vuole motivazione. Ma poi, addio PE.

E il Dott. Infante è un grande.

Ultimo

Numero di messaggi : 6
Età : 43
Data d'iscrizione : 10.09.16

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'ho fatto per davvero!

Messaggio  Titti il Lun 19 Set 2016, 09:18

grazie oer la condivisione. Come mai il tuo intervento e riailitazione sono durati molo + della media?
dopo l'operazione anche il fiato ha avuto dei miglioramenti? Hai qualche foto? Grazie
avatar
Titti

Maschile
Numero di messaggi : 148
Età : 35
Località : Vicenza
Data d'iscrizione : 11.09.08

Vedere il profilo dell'utente http://www.skysthelimit.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'ho fatto per davvero!

Messaggio  Ultimo il Lun 19 Set 2016, 13:57

Ciao,
l’intervento in sé sarebbe dovuto durare circa 4 ore. Non ho chiesto perché sia durato così tanto, so che non ci sono state complicazioni, un paio di ore dopo che mi avevano riportato in camera mi hanno fatto una lastra di controllo al letto e andava tutto bene. Credo che in parte sia andato lungo in sala risveglio, forse facevo fatica a svegliarmi. Ricordo poco della prima notte, sei pieno di antidolorifici e sei davvero rimbambito. Comunque anche l’anestesia l’ho smaltita bene, non ho avuto nausea né vomito.
Io partivo da un PE davvero importante, forse è stato dovuto anche a quello un tempo così lungo.
Come tempi di recupero invece non so se siano più o meno lunghi rispetto agli altri, nel senso che dopo 6 giorni ero a casa, a 10 giorni ero autonomo anche nell’alzarmi dal letto, e in tutte le faccende domestiche.
Dopo 15 giorni guidavo la macchina, dopo un mese esatto sono rientrato al lavoro (lavoro da ufficio).
Ho preso saltuariamente antidolorifici solo il primo mese.
Dopo due mesi ho ricominciato a correre, anche se con fastidio a livello cutaneo (la pelle intorno alla cicatrice che si muove, “traballa” quando salti o corri, mi dava una sensazione di fastidio).
Questo è quello che sono riuscito a fare, questo non vuol dire che si è da subito come prima.
Cioè, dopo dieci giorni RIESCI ad alzarti dal letto da solo, alzando le gambe, facendole dondolare, mettendo le mani alle ginocchia, dandoti una specie di spinta tipo pendolo, il tutto in circa 15 secondi. Dopo quattro mesi, mi alzo esattamente come prima dell’intervento, usando solo gli addominali senza compensi né fatica, in un secondo.
Dopo 15 giorni guidi la macchina, ma non ti giri per la retromarcia, hai fastidio quando cambi marcia e con la cintura, entri ed esci con cautela. Dopo un paio di mesi, guidi come prima. E così per tutto.
La cosa che personalmente ho patito di più è stata la perdita di forza degli addominali. Ho letto di alcuni che hanno avuto problemi con i pettorali, io personalmente non ha avvertito grossi problemi.
Quello che mi sento di dire da questa esperienza è che se si decide di fare un intervento del genere, che è un po' come farsi disossare come un pollo, l’intervento in sé è solo il primo passo di un percorso che dura almeno un anno.
Un percorso fatto a tappe, dove l’intervento è la più importante, è l’inizio. Poi piano piano si recupera, sapendo che ci possono essere rallentamenti –complicanze- da mettere in conto, e da superare. Io sono quasi a cinque mesi, so che non sono ancora al 100% (non ho provato e non voglio provare ancora per un po' a fare flessioni, anche se teoricamente potrei farle, perché so che avrei ancora dolore, non ho ancora la sensibilità al petto, spesso sembra di avere del cartone appoggiato sul petto, non riesco ancora a stare a lungo a pancia in giù perché ho fastidio, ad esempio) ma adesso faccio una vita del tutto normale. Mi muovo, faccio la spesa, trasporto pesi, non ho limiti in una vita di tutti i giorni. Non faccio sport, né individuali né di squadra, ma ho 42 anni, non è una mia priorità, non lo facevo nemmeno prima. Ma arriverò a farlo. Ecco, questa secondo me a qualsiasi età è una cosa da mettere in conto, cioè di sapere che per almeno un anno (a maggior ragione chi deve tornare a togliere la barretta) qualche compromesso, qualche cambiamento nella propria vita potrebbe esserci, e a livello professionale e relazionale capire se ci si può stare dentro oppure no. Pena frustrazioni e ansie.
Per quanto riguarda il discorso del fiato, io prima dell’intervento non ho mai avuto sensazione di dispnea o fiato corto. Avevo un senso di peso a livello del torace, come dicevo sentivo il cuore battere a parete anche a riposo, anche da sdraiato nel letto (questa cosa l’ho capita dopo l’intervento che non era normale), qualche volta avevo qualche palpitazione (credo extrasistoli) e saltuari dolori costali anteriori. Tutte queste cose sono passate. Non correvo molto prima, sono tornato a correre dopo ma il fiato mi sembrava come prima. Ho fatto una spirometria prima dell’intervento ed era nei limiti. Quello che posso dire è che subito dopo l’intervento il fiato manca parecchio, questo perché non si riesce né a inspirare né a espirare con forza (sempre il solito discorso muscolare). Cioè manca nel momento in cui fai esercizi respiratori, lì ti accorgi di quanto fai schifo, per il resto non te ne accorgi perché stai immobile tutto il giorno e non ti metti certo a correre, e per stare a letto o camminare come un anziano di 90 anni il poco fiato che hai ti basta e avanza Smile.
Io per adesso sono molto soddisfatto perché ho risolto questa ansia che mi era venuta, e cioè di peggiorare invecchiando a livello cardiaco o respiratorio, e ho risolto a livello estetico una cosa che ho sempre tollerato ma non mi rendeva certo felice, e come ho detto al Dott. Infante “alla mia età mi voglio togliere questo sassolino dalla scarpa”.
Preciso che questa cosa del peggiorare con l’età non è documentata a livello scientifico, era una mia paranoia, anche il Dottore mi ha confermato che con un PE l’aspettativa di vita è analoga a senza PE.
Ma arrivare ad una età avanzata con il rimorso di non avere fatto qualcosa per tempo mi risultava inaccettabile. Pur sapendo anche dei rischi che potevo incontrare, pur sapendo che non era una passeggiata.
L’ho fatto, e solo per questo sono soddisfatto.
Dal punto di vista estetico se riesco metto le foto, io sono strasoddisfatto rispetto a come partivo. Certo, non sono perfetto, ma sono ancora in fase di “rimodellamento”. Non ho il petto di uno sportivo, al momento Smile,  ma per lo meno, a parte la cicatrice che nel tempo si attenuerà, non ho più “qualcosa che non va”.
Che nel mio caso, era molto –assaissimo!- vistoso.

Ultimo

Numero di messaggi : 6
Età : 43
Data d'iscrizione : 10.09.16

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'ho fatto per davvero!

Messaggio  Titti il Lun 19 Set 2016, 14:23

grazie! esaustivo Smile
avatar
Titti

Maschile
Numero di messaggi : 148
Età : 35
Località : Vicenza
Data d'iscrizione : 11.09.08

Vedere il profilo dell'utente http://www.skysthelimit.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'ho fatto per davvero!

Messaggio  Ultimo il Mar 20 Set 2016, 09:49

Dunque mi sono reso conto che non ho foto prima dell'intervento.
Non mi sono fatto il selfie per scaramanzia!
Così ho cercato su internet, ho trovato questa foto che si avvicina a come ero.
Questo non sono io, ma diciamo che potevo essere io qualche anno fa, più o meno.
Aggiungeteci una iniziale panza da birra e un po' di "lassità" da sedentarietà, e capirete la mia situazione di partenza.



Questo sono io a quasi 5 mesi.




Ultimo

Numero di messaggi : 6
Età : 43
Data d'iscrizione : 10.09.16

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'ho fatto per davvero!

Messaggio  Titti il Mar 20 Set 2016, 17:58

bel lavoro. io sto valutando di operarmi ma con la tecnica di nuss. tienici aggiornati
avatar
Titti

Maschile
Numero di messaggi : 148
Età : 35
Località : Vicenza
Data d'iscrizione : 11.09.08

Vedere il profilo dell'utente http://www.skysthelimit.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'ho fatto per davvero!

Messaggio  Ultimo il Mer 21 Set 2016, 13:25

Titti ha scritto:bel lavoro. io sto valutando di operarmi ma con la tecnica di nuss. tienici aggiornati

Grazie. Io sarei stato operato con la tecnica di nuss se non fossi allergico al nickel. Decidere di farsi operare o meno è una scelta molto intima. Ti auguro il meglio. Vi aggiornerò.

Ultimo

Numero di messaggi : 6
Età : 43
Data d'iscrizione : 10.09.16

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'ho fatto per davvero!

Messaggio  archimede il Ven 23 Set 2016, 13:36

Ciao
Sono contento per te! Smile

Ho visto che sei stato operato dal dottor Infante; volevo farti due domande:
La prima visita la si deve prenotare nel suo studio privato di Milano?
E opera ancora all'humanitas di Milano?

archimede

Numero di messaggi : 3
Età : 23
Data d'iscrizione : 20.09.16

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'ho fatto per davvero!

Messaggio  Ultimo il Ven 23 Set 2016, 14:32

Ciao grazie!

Dunque dal mese di febbraio il Dott Infante non opera e non visita più all'Humanitas di Rozzano.
Opera (e penso visiti) all'ospedale di Verona.
Mantiene anche uno studio privato a Milano, penso in extramoenia con Verona, nel senso che visita per eventuali interventi da fare a Verona.
Sicuramente trovi tutti i contatti su internet, sia sul suo sito che su quello dell'ospedale di Verona.

Io ero stato visitato da lui ancora all'Humanitas, ed ero stato messo in lista di attesa lì.
Poi si è trasferito prima del mio intervento, mi ha chiamato personalmente e mi ha chiesto se ero disposto a farmi operare a Verona.
Ovviamente ho detto sì Smile
Ciao

Ultimo

Numero di messaggi : 6
Età : 43
Data d'iscrizione : 10.09.16

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum