Intervento P. E. del 09/01/2015, presso S. Andrea di Roma, professor C. Andreetti

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Intervento P. E. del 09/01/2015, presso S. Andrea di Roma, professor C. Andreetti

Messaggio  inpectore il Ven 16 Gen 2015, 00:00

Ciao a tutti, ho deciso di scrivere due righe sull'intervento che ho fatto la scorsa settimana, perché in effetti è proprio dall'attenta lettura di questo forum, diversi mesi fa, che è partito il mio intero percorso, e quindi mi sembra doveroso lasciare il mio personale contributo, sperando possa essere il più utile possibile. Cercherò di non dilungarmi troppo in tanti dettagli probabilmente poco significativi, mentre cercherò di focalizzarmi su ciò che credo sia di maggior interesse per chi stia vagliando la possibilità di affrontare l'intervento chirurgico. Esporrò per punti ciò che ho da dire, in modo da agevolare il più possibile la lettura.
- Sono un ragazzo di 29 anni, e il pectus excavatum per il quale sono stato operato era di entità lieve/moderata (indice di haller 2,68). L'operazione l'ho fatta presso l'ospedale Sant'Andrea di Roma, e il chirurgo che mi ha seguito è stato il dottor Claudio Andreetti (coadiuvato dai dottori Menna e Cassiano).
- Non ho consultato nessun altro chirurgo, ma Andreetti mi ha convinto da subito grazie anche alla sua limpidezza comunicativa e alle sue grandi disponibilità e cordialità. Insomma, una persona che ispira notevoli affidabilità e ottimismo. Oltre a consigliarlo vivamente (soprattutto a chi come me viene dal Sud, per cui Roma è certamente una scelta logistica più comoda di una Milano o di una Brescia o di una Genova), voglio anche sottolineare che il Sant'Andrea si è dimostrata una struttura molto efficiente, pulitissima, con uno staff infermieristico a mio parere di ottima qualità, e (nei limiti di quello che è pur sempre una struttura ospedaliera) piuttosto accogliente.
- Mi sono operato secondo tecnica di Ravitch modificata, in quanto il dottore ha considerato l'opzione Nuss incompatibilie con la mia "storia clinica": essando stato operato qualche anno fa per un pneumotorace, le possibili aderenze determinate da quell'intervento avrebbero potuto infatti rendere pericoloso il passaggio della barra al di sotto della gabbia toracica. Nel mio caso, quindi, l'intervento è consistito in un'apertura a forma di sorriso rovesciato alla base dello sterno (ampiezza di 4 centimetri), attraverso cui sono state corrette le cartilagini costali deformi e sollevato lo sterno; una barra di acciaio di qualche centimetro è stata poi fissata come sostegno al di sotto della zona trattata, facendola transitare attraverso un'incisione un pò più laterale, di mezzo centimetro (inizialmente mi era stato detto che la barretta sarebbe stata inserita per la stessa incisione a sorriso rovescaito, ma negli ultimi interventi si sono resi conto che utilizzando un secondo ingresso si riesce a dare alla barra una maggior stabilità).
- Mi sono ricoverato la mattina dell'8 gennaio e mi hanno operato nel primo pomeriggio del giorno dopo. L'intervento è durato complessivamente 3 ore, anche se una buona parte di questo tempo è stata dedicata alla parte anestetica.
- E adesso un punto di grande interesse: il dolore postoperatorio. Sebbene mi rendo conto che ognuno ha la sua soglia di dolore soggettiva, vi dico che nel mio caso non ho sentito alcun dolore degno di particolare nota. Certo, i fastidi ci sono, e biogna avere un pò di pazienza per affrontare tante piccole criticità (fiato corto, difficoltà nel fare alcuni movimenti, scomodità del drenaggio), ma onestamente non è nulla di così stressante, soprattutto quando dietro c'è la consapevolezza che tutto ciò lo si sta facendo per una giusta causa (se si hanno dei dubbi rispetto alla giustezza della causa, consiglierei di risolverli prima di trovarsi sul lettino della sala operatoria!). C'è anche da dire che il Sant'Andrea fa della terapia del dolore un suo cavallo di battaglia, quindi forse seguono protocolli che altrove sono diversi; in ogni caso, per quel che è la mia esperienza, l'operazione secondo ravitch del pectus excavatum è un'operazione che comporta un postoperatorio non certo fra i più dolorosi (tutto questo, ovviamente, grazie anche ai tanti antidolorifici che ancora adesso sto assumendo).
- Quanto sono soddisfatto dell'intervento? Su questo punto ancora non riesco a pronunciarmi in modo definitivo. Sicuramente la depressione toracica è stata risolta in buonissima parte, anche se il problema delle coste un pò sporgenti (problema che avevo sottovalutato), compromette un pò quell'idea di "piattezza" che avevo idealmente rincorso fino al giorno dell'intervento. Inoltre, sono tuttora incerottato e infiocchettato, quindi non ho ancora una piena visione di ciò che è attualmente la situazione. C'è poi da dire che, a seguito dell'intervento, il mio tono muscolare è piuttosto sceso, e tutto mi fa supporre che continuerà a farlo fino a quando, fra tre/quattro settimane, ricomincerò la palestra (ebbene sì, il dottore ha detto che a un mese dall'intervento già si può riprendere la palestra, sia pure in forma graduale e inizialmente molto moderata). Infine, noto che con la postura ho alcune difficoltà, e quindi mi sono accorto che dovrò lavorare anche per costruire una nuova consapevolezza del mio corpo. In ogni caso sono ottimista, e credo che alla fine il bilancio sarà inevitabilmente positivo.
- La mia situazione attuale: sono tornato a casa da circa 24 ore, e seguo un protocollo farmacologico a base di analgesici e antibiotici, nonché un protocollo riabilitativo che, se ora prevede solo esercizi posturali e di respirazione, già la prossima settimana introdurrà alcuni esercizi maggiormente fisici. Quando la respirazione è sostenuta la barra si sente (è la cosa che psicologicamente mi dà più fastidio, però farò l'abitudine anche a quello!) e la cosa che proprio non riesco a sopportare è la fascia toracica che il dottore mi ha consigliato di tenere su per le prime due settimane (ma che spesso e volentieri tango ben piegata sulla mia scrivania perché quando la metto mi sento mancare il respiro). Fra una settimana toglierò i punti e fra un mese avrò il controllo con le lastre alla mano.
Io sono qui, chi vuole mi scriva pure. Ciao.

inpectore

Numero di messaggi : 4
Età : 31
Data d'iscrizione : 15.01.15

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Intervento P. E. del 09/01/2015, presso S. Andrea di Roma, professor C. Andreetti

Messaggio  Rosalba1801 il Dom 18 Gen 2015, 18:48

Buonasera, ho letto con molto interesse la tua esperienza. Anche mio figlio questa estate è stato operato dal Dott. Andreetti  di PE con tecnica di Nuss  presso il Reparto di Chirurgià toracia dell Ospedale S'Andrea di Roma . Sin dal primo incontro, siamo rimasti molto colpiti dalla sua professionalità,  umanità e non comune disponibilita'. Nella prima visita ci ha chiarito in modo esaustivo ogni mio dubbio, spiegandoci in dettaglio ciò che nostro figlio avrebbe dovuto affrontare e tutte le conseguenze post operatorie. Per tutto il tempo che e' stato ricoverato, circa una settimana, e' stato seguito nel suo percorso post operatorio da tutto lo staff . Quante ore ho trascorso  fuori dal Reparto fissando quella  Porta Gialla, in attesa dell'ingresso nell'orario di visite. Ma se uscivano dal reparto il Dott. Andreetti o il Dott. Cassiano mi venivano incontro e mi aggiornavano sullo stato di salute di mio figlio. Anche io consiglio vivamente il Dott. Claudio Andreetti, un chirurgo toracico molto serio e competente.  Un caro saluto e in bocca al lupo per la tua convalescenza.

Rosalba1801

Numero di messaggi : 12
Età : 49
Data d'iscrizione : 16.09.13

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Intervento P. E. del 09/01/2015, presso S. Andrea di Roma, professor C. Andreetti

Messaggio  inpectore il Dom 18 Gen 2015, 22:38

Buonasera a te, Rosalba, e innanzitutto crepi il lupo! Ho dato un'occhiata alle foto di tuo figlio e direi che il risultato non poteva essere migliore! Complimenti per la saggezza di aver preso la decisione di operare tuo figlio: una decisione sicuramente sofferta e travagliata, ma che sicuramente ha risparmiato a tuo figlio tutta una serie di disagi che ora puoi star certa che non avrà alcun modo di subire per tutto il resto della sua lunga giovinezza. E te lo dice chi aveva un p.e. di grado sensibilmente inferiore a quello di tuo figlio. Se anche i miei genitori, all'epoca della mia adolescenza, avessero avuto modo di entrare in contatto con la mole di informazioni su questa patologia che oggi internet mette a disposizione di tutti, sono certo che avrebbero preso in seria considerazione la scelta di indirizzarmi all'intervento chirurgico. E in quel caso, mi avrebbero risparmiato tutta una serie di pippe mentali e di frustrazioni che sicuramente mi hanno limitato in alcuni ambiti della mia vita fino al mio 29° anno. C'è sicuramente di peggio nella vita, però sono certo che sulle aree di miglioramento ci sia il dovere di intervenire, ed è una brutta lezione quella di rapportarsi alle sfide con rassegnazione, paura e disfattismo. In bocca al lupo per tuo figlio e un caro saluto da Napoli!

inpectore

Numero di messaggi : 4
Età : 31
Data d'iscrizione : 15.01.15

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Intervento P. E. del 09/01/2015, presso S. Andrea di Roma, professor C. Andreetti

Messaggio  imlap il Sab 24 Gen 2015, 12:09

inpectore ha scritto: Se anche i miei genitori, all'epoca della mia adolescenza, avessero avuto modo di entrare in contatto con la mole di informazioni su questa patologia che oggi internet mette a disposizione di tutti, sono certo che avrebbero preso in seria considerazione la scelta di indirizzarmi all'intervento chirurgico.

Quoto questa parte!

Grazie impectore per la tua esperienza, continua ad aggiornarci se ti va, magari mettendo delle foto.

imlap

Numero di messaggi : 166
Età : 33
Data d'iscrizione : 30.01.10

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Intervento P. E. del 09/01/2015, presso S. Andrea di Roma, professor C. Andreetti

Messaggio  Mitox il Gio 21 Mag 2015, 10:14

salve, come devo fare per prenotare la visita con il dottor andreetti e successivo intervento?

Mitox

Numero di messaggi : 35
Età : 28
Data d'iscrizione : 29.09.10

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

contatto dottor andreetti

Messaggio  inpectore il Gio 21 Mag 2015, 15:56

Il numero di telefono del dottor Andreetti è 3475100714. Sarà poi il dottore, dopo la visita, a spiegarti eventualmente come funziona l'iter di ricovero. Comunque la parte burocratica non sarà un problema, perché sono tutti gentili e disponibili. Ciao ;-)

inpectore

Numero di messaggi : 4
Età : 31
Data d'iscrizione : 15.01.15

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

PETTO SCAVATO

Messaggio  Nicolaj91 il Mer 10 Feb 2016, 00:55

Ciao inpectore, ti ringrazio per aver postato queste informazioni.
Ho 24 anni e anche io ho lo sterno bello che incavato! in realtà, è peggiorato molto negli ultimi mesi.
Volevo qualche domanda per rassicurazione, sapere se puoi darmi una mano
1 anzitutto, anche con la tec. di ravitch mettono una barra nello sterno? e' simile all'intervento di nuss?
infine la domanda fondamentale. da 4 anni circa, ho un problema respiratorio, ma avendo fatto milioni di analisi, non risulto avere nulla a livello polmonare, bronchiale, cardiaco o altro. sono sanissimo. Esami spirometrici con capacità polmonare oltre il 110% ! e molti altri esami, tutto normale. in merito a questo,
2 volevo sapere da te o da chiunque voglia rispondere, se un incavatura del petto, (le mia è leggermente più accentuata sulla bocca dello stomaco) può infierire sull'andamento respiratorio, su piccole aritmie, extrasistole o simili. Precisamente: tu prima di operarti, avevi problemi nel respirare?
Attendo risposta ringraziandoti anticipatamente

Nicolaj91

Numero di messaggi : 3
Età : 26
Data d'iscrizione : 10.02.16

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Intervento P. E. del 09/01/2015, presso S. Andrea di Roma, professor C. Andreetti

Messaggio  IlVeroMarioRossi il Dom 21 Feb 2016, 10:05

Ciao Nicolaj91, ti rispondo io anche se non sono stato operato con Ravitch (puoi leggere la mia storia nella sezione Nuss) quindi mi limito a rispondere solamente alla seconda domanda che hai posto.
Tra gli esami preoperatori all'Humanitas c'era un test -volontario, per la scienza per così dire- RM con e senza valvola di Kolbe per vedere la differenza sul soggetto tra una situazione di PE severo e di PE più leggero.
Ovviamente questo test si può fare solo prima dell'operazione perché le barre metalliche non permettono l'RM, tantomeno si può aspettare che esse vengano rimosse dopo tot anni perché il test verrebbe fatto su due situazioni clinicamente diverse.
Comunque, tornando al discorso, nel mio caso nonostante la valvola di Kolbe facesse una differenza microscopica nell'immediato, tra le due RM cè stato un miglioramento a livello respiratorio e cardiovascolare.
Non voglio sembrare cinico, però in una situazione dove il petto deve avere una certa forma, il PE toglie necessariamente volume alla gabbia toracica e comprime il cuore (tant'è che non sono rari spostamenti). A mio parere l'unico test valido è quello che si fa sullo stesso soggetto, ci sono persone con il PE perfettamente sane e persone con problemi cardiaci, i test standardizzati non rendono merito ad una situazione così variegata e poco conosciuta.
In sostanza la risposta alla tua domanda è Ni, ma molto probabilmente sì senza fare alcun allarmismo.
Prima dell'operazione sentivo la sensazione di costrizione toracica, ora sento la costrizione delle barre ma secondo me riesco a prendere molto più fiato di prima. Quando le toglierò ti dirò che sicuramente starò meglio, ma fare riferimento a una situazione di 2/3 anni fa è anche scorretto dal punto di vista clinico.
Saluti!

IlVeroMarioRossi

Numero di messaggi : 7
Età : 22
Data d'iscrizione : 20.10.13

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Operato P.E. Ravitch

Messaggio  Pablito81 il Gio 16 Mar 2017, 12:05

Buongiorno,
sono un ragazzo di quasi 36 anni che si è operato al Sant'Andrea di Roma con il dott. Andreetti il giorno 20 febbraio con la tecnica di Ravitch.
Vorrei condividere con voi la mia esperienza e avere un confronto con voi circa la mia convalescenza.
Mi sono ricoverato domenica 19 febbraio e il giorno seguente mi sono operato. L'operazione è durata circa 3-4 ore. Il giorno successivo all'operazione ero di nuovo in piedi a cominciare la riabilitazione e il sabato 25 sono stato dimesso.
Parlare di dolore forse è eccessivo ma dal giorno successivo all'operazione e fino ad oggi (24 giorni dopo) provo ancora molti fastidi che ora provo a riassumere:
- difficoltà nel dormire (ancora in posizione supina), ancora nel divano per la maggior facilità nell'alzarmi. Ancora mi tirano tutti i muscoli pettorali. Anche i muscoli dorsali ne risentono
- quando ho tolto i punti si è reso necessario rimetterne uno. Non so perchè ma ora faccio molta fatica con la postura. Già soffro un po' di cifosi, però ora addirittura mi sembra di essere peggiorato. I primi giorni a casa riuscivo a fare qualche passeggiata, ora meno.
- quando mi viene da starnutire vedo le stelle, purtroppo ora il periodo non aiuta con le allergie stagionali. Mi sembra di morire con la barra che la sento proprio.
- il dottore mi dice che a 1 mese dall'intervento migliora tutto, si può cominciare a dormire sul fianco e fare riabilitazione in piscina, significa che i muscoli pettorali saranno ben cicatrizzati?

Mi potete gentilmente dire le vostre sensazioni dopo 1 mese circa dall'operazione, se vi sentite bene quasi come prima dell'operazione riguardo i fastidi muscolari, la sensazione di sentirsi la barra in corpo e quindi anche la difficoltà a starnutire... ecc ecc.

Avevo pensato anche di andare da un osteopata di fiducia per sbloccare almeno i dorsali però desisto almeno fino a dopo la visita di controllo...
Ho seguito tutta la terapia di antibiotici e antidolorifici (solo paracetamolo, in quanto non penso che se i muscoli tirino un antidolorifico faccia miracoli)
Ancora porto la fascia toracica (almeno per un mese), voi l'avete sempre tenuta o l'avete abbandonata quasi subito?
Scusate tutte queste domande ma, anche se sono contento del risultato, sono un po' avvilito perchè immaginavo che dopo alcuni giorni sarei riuscito a condurre una convalescenza abbastanza buona (non dico di condurre tutto subito normalmente ma nemmeno tutti questi fastidi).

Grazie mille a chi mi può dare delle risposte ai miei dubbi e poter condividere la propria esperienza.

saluti

Pablito81

Pablito81

Numero di messaggi : 3
Età : 35
Data d'iscrizione : 16.03.17

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Operato P.E. Ravitch

Messaggio  Pablito81 il Gio 16 Mar 2017, 12:10

Scusate,

dimenticavo un'altra cosa importante. La dott.ssa mi ha detto che è normale ma vorrei conoscere anche la vostra esperienza. Sono un falso magro, un po' di pancetta l'ho sempre avuta ma ora sono talmente gonfio che mi sembra di essere "incinto" Razz . Mi sono pesato ed ho visto che il peso è quello che avevo prima dell'operazione, sicuramente saranno i farmaci che ho assunto. Nel vostro caso è successo lo stesso e dopo quanto tempo avete notato uno sgonfiamento della pancia?

Grazie mille

Pablito81

Numero di messaggi : 3
Età : 35
Data d'iscrizione : 16.03.17

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Intervento P. E. del 09/01/2015, presso S. Andrea di Roma, professor C. Andreetti

Messaggio  AmyPond il Ven 17 Mar 2017, 09:35

Ciao Pablito81,

io mi sono operata il 24 di gennaio, quindi sto per compiere il secondo mese di convalescenza casalinga. Anche io, come te, ho avuto più o meno gli stessi dubbi, ma al giorno d'oggi posso dire che la situazione è migliorata con un distacco netto rispetto all'inedia del primo mese.
Innanzitutto, riguardo al gonfiore, prova a prendere i fermenti lattici, io li ho presi per 3 settimane, durante tutto l'arco di tempo in cui ho preso l'antibiotico, e mi hanno aiutato a sgonfiarmi. Ho usato Enterogermina Gonfiore, è un normale fermento lattico con l'aggiunta di un estratto naturale che aiuta a sgonfiare la pancia. Prova, al limite ti ha fatto solo del bene Smile
Riguardo al sonno, tranquillo... sono passati due mesi e ancora dormo supina... io ho sempre dormito sul fianco e dormire sulla schiena non mi rende felice. Diciamo che dopo un po' ti ci abitui, tuo malgrado, e quando prendi sonno e dormi decentemente, dopo un po' non ci pensi più di tanto. Sul fianco io non mi fido a dormire, sento ancora dolori (sopportabili) e fastidio alla barra, quindi niente fianco per ora.
Però forse dovresti trasferirti nel letto, sul divano la schiena ne risente. Io ho trovato il modo di alzarmi da sola stando nel letto, mi tiro la coperta (spessa, tipo piumone) fino alla pancia, tengo una gamba sotto la coperta e l'altra la faccio uscire portandola verso il torace. Mi aggrappo con le mani al ginocchio, e facendo leva sulla gamba ferma sotto le coperte, mi tiro su. Ok, come spiegazione fa schifo, spero di averti fatto capire più o meno come faccio Razz in questo modo non devo chiamare i miei continuamente per aiutarmi (e soprattutto dormo meglio).
Riguardo ai punti, io li ho tenuti una settimana in più, perchè hanno spurgato liquido da due punti, sullo sterno e sotto la tetta sinistra. In quei punti ora c'è una piccola diastasi. Penso succeda più spesso di quanto si crede, ognuno reagisce in modo diverso... La fascia contenitiva (nel mio caso una fascia a reggiseno) l'ho tenuta un mesetto. Tienila su secondo indicazioni del medico, ti aiuterà a guarire meglio.
Anche la mia postura è tornata quella di un tempo, i primi giorni dopo l'operazione avevo la schiena dritta e i muscoli che tiravano e facevano male, ora è tornata la solita postura da scoliosi che mi ha sempre afflitto. Credo che presto porrò rimedio al problema con esercizi mirati, dato che la mia scoliosi mi condiziona la vita anche sotto l'aspetto salutistico.
Tranquillo, starnuti, tosse, e risate (eh si!) erano off-limits, ora pian piano qualcosina riesco a tossire, gli starnuti sono ancora dolorosi... passerà! Pensavo anche io di essere più autonoma, pur avendo letto tutte le testimonianze qui presenti... pensa al fatto che una volta che hai risolto, e una volta che toglierai la barra, ti rifarai di tutto il tempo speso per guarire. Lo so, non è una grossa consolazione, ma non puoi fare altro... te lo dice una che non ha pazienza!
avatar
AmyPond

Numero di messaggi : 32
Età : 31
Data d'iscrizione : 05.03.15

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Intervento P. E. del 09/01/2015, presso S. Andrea di Roma, professor C. Andreetti

Messaggio  Pablito81 il Ven 17 Mar 2017, 13:08

Grazie AmyPond per la risposta.

Le tue stesse sensazioni mi hanno un po' rassicurato. Certo, spero di non dover stare due mesi in convalescenza ma di poter tornare al lavoro almeno ad inizio mese prossimo (seppur con qualche limitazione) e di non dover dormire per tutto questo tempo in posizione supina.
Questa notte ho dormito nel letto, per alzarmi ora faccio molta meno fatica che all'inizio (dove passavano anche oltre 5 minuti per capire come potermi alzare con il minor dolore possibile), anche io mi faccio leva tenendo le gambe con le braccia. Il problema è che, purtroppo, comunque il petto tira e quindi devo dormire con molti cuscini per non stare completamente supino. Inoltre i muscoli della schiena ancora fanno male. Spero che il dottore mi dia il permesso di andare dall'osteopata per sciogliere un po' i muscoli e stare più rilassato.
Stamattina ho tolto l'ultimo punto che avevo messo 10 giorni fa, la cicatrice è quasi invisibile (anche se è l'ultimo dei miei pensieri). Spero che riesca presto a riprendere una postura più dritta possibile.
Riguardo al gonfiore, anche se oramai ho già terminato gli antibiotici, seguirò il tuo consiglio prendendo dei fermenti lattici sperando che riesca a sgonfiare un po' la pancia.
Tu stai seguendo la riabilitazione consigliata, camminare e piscina o no? Piscina io ancora no dato che non è trascorso ancora un mese, camminare (fuori le fasce di visita fiscale, naturalmente) e qualche esercizio di respirazione si.
Speriamo bene... vediamo se qualcun altro ci rende partecipe della propria esperienza. Anche tu sei stata operata al Sant'Andrea?

grazie mille

Pablito81

Numero di messaggi : 3
Età : 35
Data d'iscrizione : 16.03.17

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Intervento P. E. del 09/01/2015, presso S. Andrea di Roma, professor C. Andreetti

Messaggio  AmyPond il Sab 18 Mar 2017, 18:08

Io sono stata operata a Brescia. Mi hanno detto che posso cominciare a fare sport e guidare la macchina da maggio, nel frattempo devo muovermi il più possibile, io ne approfitto per fare qualche lavoro nell'orto. Anche se volessi non riuscirei a fare sport, ho ancora dei dolori...
Esercizi di respirazione non saprei, non mi hanno detto nulla. Ho provato a leggere le discussioni riguardo alla "respirazione paradossa" ma sinceramente non ci ho capito molto. Magari poi provo ad informarmi diversamente.
avatar
AmyPond

Numero di messaggi : 32
Età : 31
Data d'iscrizione : 05.03.15

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Intervento P. E. del 09/01/2015, presso S. Andrea di Roma, professor C. Andreetti

Messaggio  anita il Gio 23 Mar 2017, 12:27

Ciao AmyPond,
io sono stata operata di nuss a Genova ma non è andata come speravo... ora sto valutando la ravitch con il dott.Ottoni.
Sei rimasta soddisfatta? ti chiedo una cosa che mi spaventa molto e anche google non mi ha aiutato tanto.
La diastasi si vede fisicamente? ti crea fastidi?
io sono molto spaventata da questo.. non vorrei ritrovarmi a correggere un difetto fisico per poi averne un altro.
ti ringrazio tanto
Ciao
Anita

anita

Numero di messaggi : 17
Età : 31
Data d'iscrizione : 06.03.17

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Intervento P. E. del 09/01/2015, presso S. Andrea di Roma, professor C. Andreetti

Messaggio  AmyPond il Ven 24 Mar 2017, 21:42

Lascia perdere Google, che ti schiarisce un dubbio e te ne crea altri cento...parlo per esperienza...! :-/
Posso dirti che, per il momento di diastasi non mi pare di averne. Qualche settimana fa ho fatto un movimento involontario del braccio muovendo così i pettorali, e ho visto una leggera trazione del seno dx verso sx, senza particolari sensazioni di fastidio, forse un leggero "tirare" dei punti.
Oggi ho riprovato a fare quello stesso movimento, dopo aver letto il tuo messaggio, ma non ho più visto nessuna trazione.
In questi giorni non ho fatto sport nè sforzi. Poi io credo che noi donne siamo avvantaggiate, avendo il seno abbiamo una sorta di 'copertura' che permette di vedere meno movimenti strani di muscoli vari...
avatar
AmyPond

Numero di messaggi : 32
Età : 31
Data d'iscrizione : 05.03.15

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Intervento P. E. del 09/01/2015, presso S. Andrea di Roma, professor C. Andreetti

Messaggio  anita il Ven 24 Mar 2017, 22:12

bene meglio così cheers
io sono molto spaventata sul da farsi.. ho sentito il dottor Infante e Ottoni...
Infante interverrebbe con una ravitch modificata senza toccare i muscoli , Ottoni mi ha fatto un ottima impressione ma l'idea di scollare i pettorali mi paralizza...tant'è che è venerdì sera e sono al pc a trovare illuminazioni Laughing
Poi leggi tutti i commenti ...trovi 9 opinioni positive e 1 negativa e cosa si fa?? le certezze che c'erano un secondo prima cadono tutte e si rientra nello sconforto affraid
... forse ad un certo punto bisogna lanciarsi e sperare flower
Grazie mille per la tua risposta!

anita

Numero di messaggi : 17
Età : 31
Data d'iscrizione : 06.03.17

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Intervento P. E. del 09/01/2015, presso S. Andrea di Roma, professor C. Andreetti

Messaggio  AmyPond il Ven 24 Mar 2017, 23:54

Ti capisco...ci sono passata anch'io, ho impiegato un sacco di tempo per decidermi proprio leggendo ovunque come hai fatto tu, ma alla fine la decisione l'ho presa, dati alla mano, spegnendo il pc.. un tuffo, praticamente! Poi chiaramente la tua situazione è molto delicata, ho avuto modo di leggerla, quindi immagino quanti dubbi!
E... siamo in due, al venerdì sera a parlare di cartilagini sternali Very Happy Very Happy purtroppo fa parte della nostra vita in ogni minuto, difficile non pensarci!
avatar
AmyPond

Numero di messaggi : 32
Età : 31
Data d'iscrizione : 05.03.15

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum